SCUOLA AIFM DI RADIOPROTEZIONE IN AMBITO SANITARIO

SCUOLA AIFM DI RADIOPROTEZIONE IN AMBITO SANITARIO
ROMA 17 Set 2018 - 21 Set 2018

Responsabile scientifico:

Fabrizio Banci Buonamici

Direttore UOC Fisica Sanitaria Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Siena University Hospital
Tel. 0577 586240 • f.banci@ao-siena.toscana.it

Coordinatori Scientifici:

Roberto Pani

Professore Ordinario di Fisica Medica Dipartimento di Scienze e Biotecnologie Medico-ChirurgicheSapienza Università di Roma

roberto.pani@uniroma1.it

Nando Romeo

Dirigente sico UOC Radioterapia Azienda Sanitaria Provinciale di Messina Stabilimento Ospedaliero di Taormina

nando.romeo@gmail.com

Angela Coniglio

Dirigente Fisico UOS Fisica Sanitaria Ospedale S. Giovanni Calibita - Fatebenefratelli, Roma

angela.coniglio@fbf-isola.it

Stefano De Crescenzo

Direttore U.O.C. Fisica Sanitaria A.S.S.T. Papa Giovanni XXIII, Bergamo

Programma Scientifico

Lunedì 17 settembre 2018

Modulo 1 – QUADRO NORMATIVO

14.00 - 17.00 • Relatori: Michele Stasi, Torino - Paolo Rossi, Roma - Francesco Campanella, Roma

  • Introduzione: La Fisica Sanitaria e l’attività di Radioprotezione: situazione italiana ed europea.

  • Quadro di riferimento normativo. Il D.Lgs. 230/95 e la Direttiva EURATOM 59/2013.

  • Le attribuzioni e responsabilità speci che dell’Esperto Quali cato / RPE in ambito sanitario e sua interazione con l’MPE alla luce del recepimento della Direttiva EURATOM 59/2013.

  • Le relazioni tecniche a corredo delle pratiche autorizzative (comunicazioni preliminari, nulla osta di tipo B, nulla osta di tipo A,installazioni mobili).

  • Gli obblighi nei confronti del Datore di lavoro/esercente e l’interazione con RSPP. Valutazione del rischio.

  • La tenuta della documentazione di legge e gli adempimenti conseguenti.

    17.00 • Assemblea dei Soci AIFM

  • Martedì 18 settembre 2018

  • Modulo 2 – GRANDEZZE RADIOPROTEZIONISTICHE

  • 8.30 - 10.30 • Relatori: Angela Coniglio, Roma - Marco Caresana, Milano

    • Le grandezze protezionistiche di base.

    • Le grandezze protezionistiche operative.

    • Veri ca della continuità della catena metrologica per la strumentazione protezionistica, la taratura per dosimetria ambientale e personale.

    • La pubblicazione ICRP116: relazione tra grandezze radiologiche e protezionistiche.

      10.30 • Coffe break

  • Modulo 3 – RADIOLOGIA CONVENZIONALE

    11.00 - 13.00 • Relatore: Nando Romeo, Taormina

    • La sorveglianza sica nella Radiologia convenzionale.

    • Metodologia di progettazione delle barriere, NCRP147: tubi radiogeni tradizionali, mammogra a, TC, radiogra a odontoiatrica.

    • La classi cazione del personale operante in radiologia convenzionale: aspetti salienti e criticità (il personale di area radiologica,il personale infermieristico).

    • Veri che protezionistiche in radiologia tradizionale: strumentazione e metodologie delle misure (parte speci ca).

    • Esempi ed applicazioni.

      13.00 • Lunch

  • Modulo 4 – RADIOLOGIA INTERVENTISTICA E DI SALA OPERATORIA

  • 14.00 - 17.00 • Roberto Ropolo, Torino - Aldo Valentini, Trento

    • La sorveglianza sica nella Radiologia interventistica.

    • Metodologia di progettazione delle barriere, NCRP147: interventistica cardiologica, angiogra a centrale e periferica, interventistica vascolare, ortopedia, ERCP, interventistica neurochirurgica e vertebrale.
      La comunicazione preliminare di pratica e la comunicazione preliminare di dismissione di pratica. ESEMPI.

    • La classi cazione del personale operante in radiologia interventistica: aspetti salienti e criticità (il personale di area radiologica, il personale infermieristico, Medici Anestesisti, eventuale personale OTA/OSS).

    • La valutazione della dose ef cace, della dose agli arti, della dose al cristallino. Utilizzo del dosimetro, singolo o doppio, dentro
      o fuori dal camice, formule di calcolo in caso di doppio dosimetro, dosimetri per le estremità: bracciale o anello, dosimetri per cristallino.

    • La gestione dei DPI: scelta, spessori suggeriti, controllo di qualità, sani cazione, corretta conservazione. Le veri che dell’EQ sui DPI. IL problema degli occhiali anti-RX e della obbligatorietà del loro impiego.

    • Il rapporto ISTISAN 15/41 (Indicazioni operative per l’ottimizzazione della radioprotezione nelle procedure di radiologia interventistica).

    • Veri che protezionistiche in radiologia interventistica: strumentazione e metodologie delle misure (parte specifica).

    • Esempi ed applicazioni.

  • Mercoledì 19 settembre 2018

    Modulo 5 – MEDICINA NUCLEARE DIAGNOSTICA
    08.30 - 10.30 / 11.00 - 13.00 • Relatori: Guido Pedroli, Milano - Federica Fioroni, Reggio Emilia

    • La sorveglianza sica nella Medicina Nucleare Diagnostica.

    • La progettazione di una Medicina Nucleare diagnostica: dal layout progettuale al calcolo delle schermature. Percorsi, ricambi di aria, gestione della camera calda, gestione dei ri uti a vita breve prodotti durante l’ attività ordinaria. Il necessario raccordo tra la progettazione protezionistica, le Norme di Buona Tecnica sul Radiofarmaco ed il DPR 151 del 1 agosto 2011 (Nuovo regolamento di prevenzione incendi

      integrato con il D.M. Interno del 19 marzo 2015 - aggiornamento norma tecnica prevenzione incendi nelle strutture sanitarie).

    • La preparazione del nulla osta di categoria B. Le valutazioni di cui all’articolo 115ter (valida per tutte le tipologie di nulla osta). Il decommissioning di una Medicina Nucleare.

    • La classi cazione del personale operante in Medicina Nucleare. Diagnostica: aspetti salienti e criticità (il personale di area radiologica,il personale infermieristico).

    • Rischi speci ci relativi a materie radioattive volatili e risospensione.

    • La corretta gestione del personale esterno in Medicina Nucleare (in particolare la ditta delle pulizie).

    • La dosimetria interna ed il calcolo della dose ef cace impegnata a seguito di introduzione accidentale.
      I nuovi documenti ICRP (130, 134 e 137). Il monitoraggio della contaminazione interna: quando serve e come farlo?La norma ISO di riferimento per i programmi di screening della contaminazione interna.

    • La dose al paziente da esami medico nucleari.

    • La dose agli operatori nel caso di pazienti ricoverati ed eventuali prescrizioni necessarie/opportune.

    • Strumentazione e metodologie delle misure (parte speci ca).

    • Esempi ed applicazioni.

      13.00 • Lunch

  • Modulo 6 – MEDICINA NUCLEARE TERAPEUTICA

    14.00 - 16.00 • Relatori: Claudio Traino, Pisa - Lidia Strigari, Roma

    • La sorveglianza sica nella medicina nucleare terapeutica.

    • La progettazione di una Medicina Nucleare terapeutica: dal layout progettuale al calcolo delle schermature.

    • La preparazione della relazione a corredo dell’istanza di nulla osta di categoria B. Le valutazioni di cui all’articolo 115ter.

    • Il rilascio del paziente dopo una pratica di Medicina Nucleare Terapeutica: il caso di 131I. Calcolo della dose alle persone del pubblico derivante dall’impatto cumulativo dei pazienti dimessi.

    • Radioprotezione nella terapia con isotopi di nuova generazione: Xo go (223Ra), Zevalin (90Y)., radioembolizzazione del CA epaticocon microsfere di 90Y.

    • Strumentazione e metodologie delle misure (parte speci ca).

    • Esempi ed applicazioni

  • Modulo 6 bis – MISCELLANEA

    16.00 - 17.30 • Relatore: Carlo Bergamaschi, Milano

  • • Sorgenti orfane e sorgenti sigillate ad alta attività: il decreto 52/2007. Classi cazione ISO delle sorgenti radioattivee sorgenti di tipo riconosciuto.

  • Giovedì 20 settembre 2018

    Modulo 7 – RADIOTERAPIA

    8.30 - 10.30 / 11.00 - 12.00 • Relatori: Andrea Guasti, Grosseto - Fabrizio Banci Buonamici, Siena

  • La sorveglianza sica nella Radioterapia.

  • Metodologia di progettazione delle barriere, NCRP151. Progettazione delle barriere per apparecchi non standard (Tomoterapia, Cyberknife, Gammaknife). Calcoli del labirinto. Stime di dose ef cace/impegnata derivanti dall’attivazione neutronica nell’acceleratore e nell’aria.

  • Progettazione in brachiterapia.

  • La classi cazione del personale operante in radioterapia: aspetti salienti e criticità (il personale di area radiologica, il personaleinfermieristico).

  • Il decommissioning di un impianto per radioterapia.

  • Strumentazione e metodologie delle misure (parte specifica).

  • Modulo 8 – LA RADIOPROTEZIONE NEI GRANDI IMPIANTI

  • 12.00 - 13.30 / 14.30 - 17.00 • Michele Ferrarini, Pavia - Riccardo Calandrino, Milano - Anna Brusa, Milano
    • Progettazione delle schermature, organizzazione degli spazi e dei percorsi e problematiche di esercizio nel ciclotrone per radiofarmacia.

    • Progettazione delle schermature, organizzazione degli spazi e dei percorsi e problematiche di esercizio nel ciclotrone/sincrotroneper uso radioterapico.

    • Dosimetria di neutroni.

    • La dosimetria personale ed ambientale in campi misti fotoni - neutroni lenti - neutroni veloci. Materiali e metodi.

    • La gestione delle attività manutentive “in house” ed esternalizzate e dei prodotti di attivazione.

    • Il “decommissioning” di un grande impianto. Il problema della attivazione nei componenti strutturali di impianto e nelle pareti.

  • Venerdì 21 settembre 2018

    Modulo 9 – CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

    8.30 - 10.30 / 11.00 - 12.00 • Relatori: Stefano De Crescenzo, Bergamo - Stefano Giunti, Milano

    • Il problema dei ri uti a vita breve alla luce dell’attuale normativa e della norma EURATOM 59/2013. I concetti di “clearance”
      ed “exempt”. Le norme Euratom in materia. Il rilascio in ambienti già sottoposti a regolamentazione: metodologia del campionamentoe norme ISO in materia, strumentazione, valori di riferimento. Il problema dei NORM.

    • Lo stoccaggio temporaneo e l’allontanamento di ri uti con t1/2 inferiore a 75 gg.

    • Criteri di scelta di un servizio di ritiro di ri uti radioattivi. Problematiche di trasporto di ri uti radioattivi ai sensi della normativa ADR.Indici di trasporto.

    • La gestione in reparto del paziente medico nucleare trattato con esami diagnostici con isotopi a vita non trascurabile (esempio: 111In).Il rapporto con gli enti di controllo e le società di ritiro e smaltimento ri uti urbani. Quali limiti sono ragionevoli per autorizzare l’uscita di ri uti urbani dall’ospedale?

    • La predisposizione di un regolamento per la gestione dei ri uti radioattivi.

    • Calcolo dell’impatto radiologico di conferimenti nell’ambiente. Impiego di modelli e formule di screening anche alla luce dei possibili sviluppi nella normativa. Formule di scarico.

    • Modulo 10 – MISCELLANEA
      12.00 - 13.00 • Relatore: Sergio Manera (Pavia)

    • • Principi ed applicazioni di spettroscopia γ e β.

      13.00 • Lunch

    • 13.30 -14.00 • Relatore: Robeerto Moccaldi, Roma

      • Problematiche medico legali ed Esperto Quali cato: responsabilità ed obblighi in caso di chiamata in cause di lavoro riguardanti malattie professionali. Lo svolgimento dell’eventuale ruolo di CTU/CTP.

      14.00 - 15.00 • Relatore in definizione

      • Procedure di assicurazione di qualità e valutazione degli errori in sistemi di dosimetria personale.

      15.00 - 15.30 • Relatore: Giacomo Belli, Firenze

      • Il problema dei lavoratori esterni e dei dipendenti da terzi e la loro corretta gestione anche nell’ambito del coordinamento delle misure di radioprotezione.

      15.30 - 16.00 • Relatore: Carlo Cavedon, Verona

      • Il regolamento di radioprotezione in una azienda sanitaria.

      16.00 -16.30 • Relatori: Roberto Pani, Francesco Campanella, Roma • Moderatori: Michele Stasi, Torino - Carlo Cavedon, Verona

      • Tavola rotonda: l’esame di abilitazione per l’iscrizione all’elenco nominativo.

      16.30 - 17.00

      • Conclusione della Scuola e compilazione del questionario ECM.

Non Soci AIFM: €650,00
Soci AIFM: €350,00
Specializzandi: €80,00 (20 disponibili)
Tutti gli importi si intendono IVA 22% inclusa.
La quota comprende: partecipazione ai lavori, coffee break e light lunch.Il materiale didattico sarà reso disponibile sul sito dell’AIFM.

Procedura di iscrizione e modalità di pagamento

La Scuola sarà accreditata per 70 persone (capienza sala: ? posti). Sarà possibile ottenere maggiori informazioni sull’evento e accedere
al modulo elettronico di registrazione disponibile all'indirizzo  www.fisicamedica.it/formazione.
Le richieste di iscrizione saranno accettate secondo l’ordine cronologico di arrivo. Gli eventuali esclusi saranno inseriti in una lista d’attesa.La conferma dell’iscrizione sarà comunque subordinata al pagamento della quota che deve avvenire a mezzo boni co bancario (esatteindicazioni sono riportate sul modulo di registrazione) entro il 31 agosto 2018 pena decadenza della stessa.

Alfine di evitare disguidi amministrativi, è richiesto invio alla segreteria organizzativa (segreteria.aifm@symposium.it) di copia del bonifico bancario effettuato unitamente alla distinta di registrazione rilasciata al termine della procedura di iscrizione online.
Non sarà possibile pagare la quota in sede di evento formativo.

Cancellazioni

La Scuola non avrà luogo se non si raggiungerà almeno il 50% delle iscrizioni. L’eventuale annullamento comporterà il rimborso integraledella quota di iscrizione. In caso di recesso da parte di un iscritto la quota sarà rimborsata, al netto delle spese amministrative (€ 20,00),solo se la comunicazione di cancellazione sarà inviata alla segreteria organizzativa per iscritto (fax o e-mail) entro il 31 agosto 2018.

SEDE DELLA SCUOLA

Centro Studi “Il Cardello” - Via del Cardello 24, Roma

Provider ECM

Associazione Italiana di Fisica Medica - AIFM Piazza della Repubblica 32 - Milano

www.aifm.it

Evento in fase di accreditamento

Professione:
Fisico - Medico Chirurgo (discipline: Radiologia - Radioterapia - Medicina nucleare - Neuroradiologia)

Obiettivo formativo: contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) speci ci di ciascuna professione,specializzazione e attività ultraspecilistiche.

La Scuola sarà realizzata con il contributo non condizionante di Aziende Sponsor. L'elenco sarà pubblicato non appena disponibile.

 

Vai al calendario eventi Symposium